fbpx

SEI BUSINESS – Leadership emotiva

Come sviluppare una leadership efficace attraverso la consapevolezza e l'intelligenza emotiva emotiva.
Come sviluppare una leadership efficace attraverso la consapevolezza e l'intelligenza emotiva emotiva.

Come sviluppare una leadership efficace attraverso la consapevolezza emotiva

Le soft Skills sono ormai diventate competenze necessarie nella nostra era.

Sapersi relazionare e comunicare efficacemente sono elementi indiscutibili in qualsiasi contesto.

Sono ormai indispensabili sul lavoro.

leadership emotiva

Studi sull’Intelligenza Emotiva

Tra queste l’Intelligenza Emotiva è quella più richiesta proprio perché rappresenta il set di competenze emotive e sociali che più di tutte influenza la performance lavorativa.

Il modo in cui percepiamo ed esprimiamo noi stessi,

il modo in cui sviluppiamo e manteniamo le relazioni, come gestiamo i cambiamenti, le sfide.

E come utilizziamo le informazioni fornite dalle emozioni per prendere buone decisioni sono le sfumature che l’intelligenza emotiva va a dipingere sulla tela del nostro comportamento.

leadership emotiva

Negli ultimi dieci anni è aumentato il numero delle ricerche scientifiche nel settore; oggi gli studiosi concordano sul fatto che l’intelligenza emotiva è un fattore importantissimo nella leadership.

Secondo lo psicologo statunitense Daniel Goleman, l’Intelligenza Emotiva rivela addirittura l’80% – 100% delle prestazioni di un leader (da Leadership Emotiva, Daniel Goleman, 2012). 

Ne deriva che le competenze dell’Intelligenza Emotiva sono gradualmente entrate nel linguaggio del business e oggi fanno parte a tutti gli effetti del vocabolario della leadership e del team work in azienda.

Il modello di Goleman sulla leadership emotiva

Il modello di Goleman, in particolare, è stato sviluppato studiando le competenze che distinguono i top leader dagli altri. 

La sua cornice di riferimento include quattro aree, a cui corrispondono tre o più competenze che caratterizzano le prestazioni dei leader di successo.

1.Autoconsapevolezza, la conoscenza dei propri stati interiori, delle preferenze, risorse ed intuizioni:

  • Autoconsapevolezza emotiva: riconoscere le proprie emozioni e i loro effetti
  • Autovalutazione accurata: conoscere i propri punti di forza e i propri limiti
  • Sicurezza di sé: un forte senso del proprio valore e delle proprie capacità.
leadership emotiva

2.Gestione di sé, la capacità di gestire i propri stati interni, i propri impulsi e le proprie risorse:

  • Autocontrollo: la capacità di monitorare e gestire le emozioni e gli impulsi distruttivi
  • Adattabilità: la flessibilità di adattarsi al cambiamento e superare gli ostacoli
  • Spinta verso il Successo: la spinta di migliorare o raggiungere uno standard  interno di eccellenza
  • Visione positiva o Ottimismo: perseveranza nel perseguire obiettivi nonostante ostacoli e insuccessi
  • Trasparenza o Affidabilità: mantenere l’integrità e agire in maniera coerente con i propri valori
  • Iniziativa: prontezza nel cogliere le occasioni.

Le altre aree:

3.Consapevolezza sociale, la capacità di gestire le relazioni e la consapevolezza delle emozioni, dei bisogni e delle preoccupazioni altrui:

  • Empatia: la capacità di entrare in sintonia con le emozioni e con i punti di vista altrui, ed essere interessato nei loro confronti
  • Consapevolezza Organizzativa: la capacità di “leggere” le emozioni dell’organizzazione e le dinamiche di potere e di costruire reti di decisione
  • Orientamento verso il servizio: la capacità di riconoscere e di rispondere ai bisogni dei clienti.
leadership emotiva

4. Competenze sociali / Gestione delle relazioni, la capacità di costruire e mantenere relazioni mutualmente soddisfacenti:

  • Leadership coinvolgente: la capacità di ispirare e guidare individui e gruppi verso una visione avvincente
  • Influenza: impiego di tattiche di persuasione efficienti
  • Gestione dei conflitti: capacità di negoziare e risolvere situazioni di disaccordo
  • Teamwork e collaborazione: lavorare insieme agli altri per raggiungere obiettivi condivisi. Creare una sinergia di gruppo nel perseguire obiettivi comuni.
  • Catalizzatore del cambiamento: efficacia nell’iniziare nuove idee e guidare le persone in una nuova direzione
  • Sviluppare gli altri: la propensione per sviluppare gli altri tramite feedback e facilitazione.

Conclusioni sulla leadership emotiva

Essere leader in quest’epoca richiede davvero una consapevolezza emotiva forte, profonda ed esplicita.

Conoscere i propri stati emotivi, riuscire a gestire un blackout emozionale e saper coinvolgere emotivamente i propri collaboratori, empatizzando con loro e carpendone i bisogni fa la differenza.

Quella differenza fra uno stile autoritario e perentorio, privo di sensibilità e sinergia ed uno stile aperto, flessibile ma autorevole, empatico ma determinato.

Questo stile di leadership emotiva permette a chi guida di essere centrato e presente e, a chi è guidato, di sentirsi compreso e accettato, senza pregiudizi.

Il connubio di questa nuova modalità relazionale aumenta inevitabilmente la performance e la redditività, perché chi lavora con fiducia lavora meglio, inevitabilmente!

Emanuela Caiano

Business Coach esperta in Comunicazione strategica ed Intelligenza Emotiva

ALTRI ARTICOLI DI QUESTO AUTORE

Guarda, senti, ascolta

[Parole: 1836]

Grazie a questo mini e-book imparerai a conoscere con quali sensi definisci la tua realtà. Impar...

1.35

Identi-Kit

[Parole: 1549]

L’autostima è il valore che ti dai. La qualità e quantità di apprezzamenti con cui, attraver...

1.35

Liberi di scegliere

[Parole: 3417]

In questa mini-guida conoscerai quali sono i tuoi driver emotivi, ossia le tue leve motivazional...

2.70
Emanuela Caiano
Esiste l'esempio. Esiste l'emozione. Esiste un nuovo modo di educare attraverso l'ispirazione. La mia missione? aiutar le persone a liberare il proprio potenziale attraverso la scoperta delle infinite risorse che risiedono dentro di sé.