fbpx

COVID MANGIA COLORI

L'ultimo DPCM anti-covid dipinge l’Italia di giallo, arancione e rosso al fine di evidenziare i differenti livelli di criticità.
L'ultimo DPCM anti-covid dipinge l’Italia di giallo, arancione e rosso al fine di evidenziare i differenti livelli di criticità.

Il Covid è diventato una strega.

Il Covid mangiacolori.

Pochi giorni fa il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha di nuovo annunciato misure restrittive.

Questa volta illustrando l’Italia come una tavolozza, in cui il giallo, arancio e rosso fanno da specchio ai differenti livelli di criticità.

italia covid

Nuove libertà mancate, nuovi provvedimenti random e poco chiari e nuove incertezze.

Potrei parlarvi nuovamente di complotto, parola spiegata bene e chiaramente dall’articolo del collega Michele Quadernucci, oppure far riferimento alle innumerevoli proteste e paure che sempre più emergono da questa lunga quarantena.

Invece no.

Perché sarebbe scontato, banale e, detto francamente, inutile.

Sono un coach. E un coach fornisce strumenti per uscire dai momenti difficili.

Un coach offre conoscenze e opportunità di crescita.

Un coach aiuta le persone a scegliere il meglio per loro.

E io scelgo di parlare di bisogni.

Bisogni ancestrali, umani e primari.

Esigenze che sin dalla nostra esistenza si fanno avanti insistenti, a prescindere da quale sia il periodo storico o contestuale.

E’ importante conoscerci per liberarci dalle paure.

E’ importante sapere, per poter scegliere.

maslow

Nel 1954 lo psicologo Abraham Maslow, dopo anni di studi e ricerche antropologiche, espose un modello motivazionale dello sviluppo umano. Questa piramide, come lui stesso la rappresentò, si basa su una gerarchia di bisogni in base alla quale la loro soddisfazione è condizione necessaria per far innescare quelli superiori.

In sintesi, una volta soddisfatto il bisogno alla base l’essere umano ne crea uno successivo e cosi via.

Secondo Maslow una volta realizzate le esigenze primarie, esse tendono a non ripresentarsi, mentre quelle sociali e relazionali rinascono con nuovi e più ambiziosi obiettivi da raggiungere.

ANALISI DELLA PIRAMIDE MOTIVAZIONALE

Qui sotto troverete una piramide colorata, giusto per rimanere in tema, e le relative descrizione in dettaglio affinché siano ben comprensibili i vari bisogni.

Ogni colore utilizzato è puramente casuale e declina ogni riferimento alle zone di rischio che il DPCM ultimo descrive.

piramide covid
  • Bisogni FISIOLOGICI: fame, sete, sonno, termoregolazione, ecc. Sono i bisogni connessi alla sopravvivenza fisica dell’individuo. Sono i primi a dover essere soddisfatti a causa dell’istinto di autoconservazione.
  • Bisogni di SICUREZZA: protezione, tranquillità, prevedibilità, soppressione di preoccupazioni ed ansie, ecc. Devono garantire all’individuo protezione e tranquillità.
  • Bisogni di APPARTENENZA: essere amato e amare, far parte di un gruppo, cooperare, partecipare, ecc.; rappresenta l’aspirazione di ognuno di noi ad essere un elemento della comunità.
  • Bisogni di STIMA: essere rispettato, approvato, riconosciuto, ecc. L’individuo vuole sentirsi competente e produttivo.
  • Bisogni di AUTOREALIZZAZIONE: realizzare la propria identità in base ad aspettative e potenzialità, occupare un ruolo sociale, ecc. Si tratta dell’aspirazione individuale a essere ciò che si vuole essere sfruttando le facoltà mentali e fisiche.

CONSIDERAZIONI GRIGIE SUL DPCM ANTI-COVID

Questo modello da molti colleghi e formatori è considerato limitato e rigido anche perché, essenzialmente, fa risalire le spinte motivazionali a fattori interni, ignorando le interferenze e interazioni con l’ambiente esterno.

Anch’io lo trovo poco attuabile anche se gli va dato il merito di essere stato il primo.

Come si suol dire, ”sulle spalle dei giganti siamo tutti più alti”.

In realtà il mio input motivazionale vuole essere altro.

Voglio soffermarmi in particolare su un bisogno essenziale. Un esigenza emotiva, mentale, fisica ed esistenziale dell’essere umano: la sicurezza.

Ecco cosa in fondo scombina e scardina questo continuo susseguirsi di colori, questo continuo susseguirsi di DPCM: la certezza.

E’ come camminare su un terreno instabile, impervio, pieno di buche e senza punti di riferimento.

L’essere umano è flessibile e adattabile.

Ma ha comunque bisogno di alcune sicurezze.

resilienza covid

Abbiamo tutti bisogno di “avere” dei punti di riferimento stabili.

Perché il nostro cervello è progettato per sopravvivere. E’ abituato a fare poca fatica. E’ nato per ripetersi e sprecare poca energia.

In questo periodo sicuramente abbiamo compreso quanto la flessibilità, la pazienza e la resilienza siano capacità da allenare.

Siamo tutti d’accordo.

Quello su cui potremmo riflettere è: come farlo in modo meno traumatico?

La piramide di Maslow è una mappa di come la nostra vita abbia alle fondamenta dei bisogni fisiologici primari.

Questo è insindacabile.

Forse alcuni provvedimenti, dovrebbero tenerne più conto.

Forse alcune disposizioni anti-covid dovrebbero essere meno daltoniche.

E forse, rendere il domani totalmente incerto serve solo a generare rabbia e cortisolo.

Cos’è il cortisolo? scoprilo nella nostra mini-guida ossitocina

ALTRI ARTICOLI DI QUESTO AUTORE

Liberi di scegliere

[Parole: 3417]

In questa mini-guida conoscerai quali sono i tuoi driver emotivi, ossia le tue leve motivazional...

2.70

Sei emozioni + 1

[Parole: 2231]

Attraverso questo mini-libro imparerai cosa sono le emozioni in un viaggio fra gli autori più i...

1.80

Basta scuse

[Parole: 2422]

Le scuse e le giustificazioni sono solo un tipo di auto-sabotaggio. C’è un complotto dentro di...

1.80
Emanuela Caiano
Esiste l'esempio. Esiste l'emozione. Esiste un nuovo modo di educare attraverso l'ispirazione. La mia missione? aiutar le persone a liberare il proprio potenziale attraverso la scoperta delle infinite risorse che risiedono dentro di sé.