fbpx

RISPETTO – UNA PAROLA MOLTO INTELLIGENTE

É importante conoscere l'etimologia e il significato del termine rispetto perché fa parte di quelle parole fondanti per le relazioni umane.
É importante conoscere l'etimologia e il significato del termine rispetto perché fa parte di quelle parole fondanti per le relazioni umane.

L’etimologia della parola rispetto deriva dal latino respectus (da respicere) che significa riguardare, aver riguardo, considerare; respicere è una parola composta da RE – di nuovo, addietro, e da SPICERE – guardare.

In italiano possiamo dire che il rispetto è identificabile con un sentimento e un atteggiamento di riconoscimento di un valore materiale o morale di qualcosa o di qualcuno.

É molto importante conoscere l’etimologia e il significato di questo termine perché fa parte di quelle parole considerate fondanti per le relazioni umane.

Quante volte abbiamo usato questa parola?

Quante volte abbiamo provato emozioni positive o negative a seconda di come abbiamo vissuto questa parola?

Personalmente tante!

rispetto

RISPETTO = GUARDARE

Una delle cose più interessanti di questa etimologia è che si fa riferimento ad un senso specifico: la vista.

Come abbiamo detto respicere significa guardare indietro o guardare di nuovo.

Quindi potremmo dire che io ho rispetto di qualcosa quando la guardo di nuovo, con attenzione.

Questo significa fare un azione concreta, pensata e volontaria, perchè quando guardiamo qualcosa di nuovo lo facciamo per prendere maggiori informazioni.

Se poi giochiamo con la parola stessa possiamo invertire le due parole passando da “guardare di nuovo” a “di nuovo guardare” è qui nasce la magia.

Vi dico questo perchè “di nuovo guardare” mi fa subito pensare a RIGUARDARE

E questa parola ha un significato ancora più potente, perchè quando qualcosa mi riguarda vuol dire che per me ha un valore importante.

Quindi quando rispettiamo qualcuno lo facciamo perchè lo stiamo vedendo, non solo con gli occhi ma anche con il cuore.

“Vedere” qualcuno significa attribuirli valore e il rispetto diventa il riconoscimento di quel valore.

rispetto

QUANDO RISPETTIAMO DIAMO VALORE

Rispettare qualcosa significa quindi riconoscere che qualcosa o qualcuno ha un valore  intrinseco.

Questo non è da sottovalutare a livello comunicativo perché quando portiamo rispetto ci impegnano a tutelare l’oggetto della nostra attenzione.

Per questo rispetto e legge sono due concetti che vanno spesso di pari passo.

Non parlo solo della legge civile ma anche di quella morale.

A livello civile come cittadini siamo tenuti a rispettare le leggi del nostro stato o dei contesti nei quali ci troviamo ad interagire.

Facciamo questo perchè rispettiamo e comprendiamo il valore del vivere comune.

A livello morale invece il rispetto diventa la base fondante per tutti i nostri rapporti personali.

Quando viviamo una relazione il reciproco rispetto è necessario per costruire un rapporto sano.

Come counselor posso assicurarvi che molte delle criticità con le quali mi trovo a lavorare provengono principalmente da una carenza o assenza di rispetto.

IL RISPETTO PARTE TUTTO DA NOI

Per rispettare gli altri dobbiamo prima di tutto imparare a rispettare noi stessi, e questo non è semplice.

Se non siamo in grado di accettarci per quello che siamo avremo molte difficoltà ad accettare gli altri.

E questo ci porterà a nutrire poco rispetto per le persone che ci ruotano attorno.

Come dicevamo in precedenza rispettare significa guardare di nuovo, quindi per rispettare noi stessi dobbiamo fermarci e passare del tempo ad osservarci.

rispetto

Uno sguardo veloce porta sempre con sé pregiudizi o preconcetti, mentre uno sguardo attento permette di vedere oltre le apparenze, e non ci può essere rispetto senza uno sguardo attento.

Il razzismo e le divisioni sociali sono spesso legate alla mancanza di rispetto, quindi è nostro compito quello di fornire gli strumenti per un cambio di rotta.

In un mondo che sembra sempre più diviso il rispetto potrebbe essere il collante di una nuova “Golden are” sociale.

Un’era fondata su una comunità di esseri umani che insieme lavorano verso un futuro migliore.

E ogni comunità, per funzionare, si deve basare sul rispetto reciproco.

ALTRI ARTICOLI DI QUESTO AUTORE

Genitori emotivamente intelligenti

[Parole: 2444]

Questo ebook vuole essere un supporto per tutti i genitori che vogliono trovare nuovi modi per ai...

1.80

Le 10 regole della ricchezza

[Parole: 2570]

Questo ebook vuole essere un aiuto a tutte le persone che vogliono usare le proprie competenze e ...

2.25

Parole giuste

Cerchi le parole giuste per educare i tuoi figli? Vuoi comprendere come applicare la comunicazione efficace nel tuo lavoro? Vuoi le strategie per o...

90.00
Michele Quadernucci
Laureato in Sviluppo economico, Cooperazione internazionale e Gestione dei conflitti presso l’Università degli Studi di Firenze, ha ampliato le sue competenze con un diploma triennale di Counseling psicosomatico ad indirizzo comunicativo, olistico, integrato. Ha proseguito le sue formazioni nel campo della formazione e del benessere ottenendo l’Internazional NLP Coaching Certification di Grinder, Bostic e Frausin e diventando formatore nell’uso delle LifeSkills. Lavora per lo sviluppo dell’intelligenza emotiva nel contesto educativo e formativo, usando la gestione dello stress e delle emozioni come base per una didattica innovativa; negli anni ha sviluppato modelli di lavoro sulle emozioni e sulla didattica legati alle LifeSkills e all’intelligenza emotiva, che permettono di ottenere risultati eccellenti, ecologici e ripetibili.