fbpx

Ferro = pugni di vita

Di Tiziano Ferro, in questi giorni leggerete molto, vedrete tanto. A breve uscirà il suo documentario, che guarderò con attenzione.Perché dalla sua storia oggi, decido di raccontare la mia.
Di Tiziano Ferro, in questi giorni leggerete molto, vedrete tanto. A breve uscirà il suo documentario, che guarderò con attenzione.Perché dalla sua storia oggi, decido di raccontare la mia.

Parlo di Tiziano Ferro.

Un pugno nello stomaco che arriva quando la storia di qualcun altro ti entra dentro.

Quando le parole di una vita caduta nel baratro risuonano come potenti colpi, sferrati e incassati da un’esistenza caduta nella “ silenziosa disperazione”, direbbe il filosofo H.David Thoreau.

E di Tiziano Ferro, in questi giorni leggerete molto, vedrete tanto. 

A breve uscirà il suo documentario, che guarderò con attenzione.

Perché dalla sua storia oggi, decido di raccontare la mia.

Con fatica, fastidio e frustrazione.

Ma a testa alta, senza commiserazione.

La mia storia di ferro

Il suo atto di coraggio mi ispira, mi tocca e mi lascia senza parole.

Senza fiato si rimane davanti a chi racconta quanto toccare il fondo sia difficile.

Un solo momento,un solo attimo sbagliato e boom.

Ogni cosa per cui hai lottato va in fumo, ogni cosa piccola o grande che sia, va in fumo per colpa di questa dannata mente che a volte, quando meno te lo aspetti, fa di te ciò che vuole.

Sono stati 4 lunghi anni i miei dettati dal fallimento di un’attività, dal fallimento come papà, come marito, come Mariano.

Parole forti? Parole vere. Credimi.

Perchè quando ti sembra di aver perso tutto, sembra vero.

“La mente mente”…e tu credi a ciò che sembra.

Offuscavo tutto.

E tutto era troppo.

Talmente tanto che, il solo pensiero oggi, mi lascia inorridito.

Nelle parole toccanti di Ferro mi stupisco di quanto,nel troppo la completa assenza di lucidità sia frutto di paure, problemi, difficoltà e fughe da ogni cosa…persino dal dare quello per cui una figlia ti cerca: l’AMORE.

Le notti passate in bianco, in totale indigestione e insonnia mi ricordano quanto non avessi speranza, quanto fossi lontano dal pensare di uscirne. Mi vengono in testa mentre scrivo i pianti di una bambina troppo piccola per capire quanto un padre possa sentirsi inutile.

Inutile come la mia vita mi sembrava in quel momento.

Le sorti di un piccolo imprenditore,di un uomo stavano andando in declino lentamente. 

I debiti salivano, per la cattiva gestione e la lucidità assente. Incessanti telefonate da parte dei fornitori.

Umiliazioni che voglio solo lasciarvi immaginare.

Silenziavo la suoneria a volte, perchè ero stufo di continuare a sentirla. 

Come Tiziano Ferro, nel suo baratro, faceva con le migliaia di voci assassine che deturpavano la sua identità.

Sei solo, solo contro tutti alla fine, diventi solo soprattutto contro te stesso. 

Fa male raccontarlo, ma voglio farlo perchè oggi è solo una storia passata. Finita e raccontata.

Perchè il dolore allarga il cuore.

Perchè è nella sofferenza emotiva che si cresce e si migliora.

“Affrontare la tempesta di merda”, come dice Mark Manson, ti fa diventare un grande capitano.

So che può sembrare strano, ma la storia assurda di Ferro e il mio piccolo spaccato di vita, serviranno a chi non vede luce e speranza.

Ho preso in mano la mia vita qualche anno fa, ho tirato su le maniche e assunto le mie responsabilità.

Vi assicuro che a volte è più difficile di quanto si possa pensare. 

E in questo breve articolo, che sto scrivendo con fatica nella commozione, il mio unico scopo è quello di dare a voi la più bella e unica energia: quella di riprendere in mano e in testa una risorsa infinita e straordinaria: la vostra lucidità.

ferro

Un’arma incredibile perchè vi permette di fare della vostra vita un capolavoro.

Siete voi il capolavoro, credetemi!

Se siete disposti a fare la vostra parte e guidare la vostra mente credetemi, trasformerete la vostra vita, la vostra identità.

Quando quel 12 agosto decido di fermarmi, di uscire di casa e fare una giornata in montagna, solo e immerso nella natura lontano da sensi di colpa, lontano da rimpianti e lontano dal baratro che mi stava conducendo alla fine.

Con la natura e un silenzio fantastico che ti avvolge e con la promessa di iniziare una nuova esistenza. Fatta di azione, responsabilità e felicità.

In cima alla montagna ho deciso di farmi una domanda. 

Mariano, vuoi davvero buttare nel cesso la tua vita?

No, tu vali molto di più.

Questa è stata la risposta.

E da quel giorno mi sono reinventato, ho studiato il coaching e l’arte della comunicazione efficace. In primis con me stesso.

Ho deciso di mettermi in gioco e oltre a formarmi,ho stravolto la mia vita facendo un percorso di 90 giorni. 

ferro

Buttando e cambiando da un giorno all’altro 18 abitudini sbagliate.

Butto loro nel cesso.

Condivido con voi quelle principali, quelle che hanno veramente fatto la differenza e che tuttoggi la fanno a gran parte dei miei clienti.

Sono 7 in totale le prime due sono:

  1. Zero alcool e zero fumo: due pacchetti giornalieri e diversi aperitivi stavano ormai governando la mia mente.
  2. Movimento. Camminare,camminare,camminare per almeno un’ora tutte le mattine tra le 5 e le 6.30. Questa è stata la prima medicina che ho preso nella mia trasformazione: per due anni senza fermarmi, tutte le mattine ho messo la sveglia alle 4.47 e dopo pochi minuti ero fuori dal letto, col faretto a qualsiasi temperatura. Con il sole, la neve o la nebbia. Camminavo. E lo faccio tuttora. Perchè? Perché crea endorfine e attiva energia e creatività. Perché ripristina la tua lucidità e toglie i pensieri di merda dalla tua mente!

Le altre le troverete nella mia mini-guida che uscirà sabato in anteprima per SEI.

Forti come il ferro

Vale per ognuno di noi, provare per credere.

A distanza di qualche anno chi è Mariano Rigo?

Un papà amorevole, presente, attento alla propria figlia. Parola di Virginia.

Un uomo che prende in mano le proprie responsabilità, una ad una e i problemi li trasforma in soluzioni. Ve lo assicuro. Un uomo che ancora sbaglia ma non ha più paura di farlo. Perchè impara da quelli a migliorarsi.

Un imprenditore che ha un team di 10 persone, professionali e formate.

Vi assicuro che in pochi decidono di darti fiducia se non sei sul pezzo.

Oggi mi sento rinato,libero e pronto a combattere.

Mi sento quell’uomo che, attraverso coraggio, disciplina, determinazione e costanza sta portando la sua vita e quella di chi a lui si affida, ad essere un capolavoro.

Mariano Rigo Imprenditore   

ARTICOLI SUGGERITI

06-L’erba del vicino

[Parole: 2729]

In questo e-book parleremo di quando un partner tradisce l’altro. Come mai succede? Quali sono ...

2.25

Questione di abitudini

[Parole: 1765]

In questo mini libro parliamo di abitudini. Le abitudini sono fasci di neuroni che percorrono lo ...

1.35

07-Peter Pan e Wendy

[Parole: 2221]

In questo e-book parleremo della sindrome di Peter Pan e di come gli uomini affetti da questa sin...

1.80
Mariano Rigo
Ognuno ha dentro di sè una montagna da scalare. Con forza, determinazione e coraggio puoi affrontare ogni sfida nella vita . L'evoluzione è trasformazione. Aiutare le persone in questo grande cammino è il mio scopo,la mia visione. Ho scalato fino a 4554 metri nel momento più difficile della mia vita perchè avevo bisogno di non mollare, di continuare ad andare avanti. In azienda utilizzo la natura e l'arte del kaizen (miglioramento continuo) per fare crescere i team e i collaboratori ,aiutandoli a ritrovare dentro di sè quel luogo speciale dove TUTTO è possibile. Il coaching evolutivo è una speciale metodologia che ho creato per chi vuole andare oltre i propri obiettivi, per chi vuole superare limiti e condizionamenti mentali sfidando sé stesso in natura. Il percorso più completo che propongo è AME: accademia mentale evolutiva, 7 mesi -7 abitudini - 7 weekend in cui sviluppi competenze trasversali e trasformi la tua vita attraverso un viaggio speciale, immerso nella natura e nelle tue emozioni. Sono esperto in "Kaizen aziendale" e teambuilding in natura, certificato NLP Coach dalla Bandler Society e Master Pratictionner in Pnl.